Logo Walla Wanda
 
JACK RUSSELL TERRIER
 
Fotoalbum
Photo album
 
 
Visite dal 23-08-2003:
 
 
 
Herding Dogs - Cani da Conduzione by Marula Furlan
 
[...] “dove c’è istinto c’è la strada da intraprendere!” - Jeanne Joy Hartnagle
In tutti i cani la cui selezione è nata nel e per il lavoro l’istinto e lo stile nel lavoro (sinonimi a mio parere se parliamo di selezione del cane) dovrebbe essere il primo requisito, il resto è possibile “aggiungerlo" attraverso un efficace insegnamento.
Un'altra dote fondamentale del cane che deve lavorare è la sua "addestrabilità" e la sua volontà collaborativa (senza collaborazione avremo un cane che lavora per conto suo e sceglie come e quando interagire con gli animali che, nel caso dei nostri cani da conduzione, deve condurre).
 

Si discute spesso dello "stile" nel lavoro ma si conosce poco la differenza di stile tra le varie razze con cui lavoriamo. La stessa differenza di stile che le porta ad essere fisicamente diverse (in quando la necessità di un tipo di movimento o lavoro diverso varia a seconda dell'animale da condurre, che sia pecora o vitello,e quindi influisce anche su quella che è la costruzione del cane agevolandone alcuni movimenti piuttosto che altri).
Il sistema più semplice per parlare di differenze di stile è comparare lo stile del border collie (cane fortemente specializzato e conosciuto) con quello dei nostri australian (che molte persone considerano erroneamente simili ai border fisicamente e stilisticamente).
Lo stile nel lavoro di conduzione è influenzato da numerosi fattori quali l'"occhio" , lo stile nella camminata (dato anche dalla costruzione fisica), la distanza di lavoro, l'abbaio e/o il morso e la potenza/pressione. Non dimentichiamoci che ogni cane ha un suo stile naturale,ma se paragoniamo border e australian noteremo come a livello di interrazza ci sia uno stile comune più o meno accentuato e che differenzia ognuna di queste due razze l’una dall'altra in maniera significativa.


pedro & gabriele
Pedro (Hotter than a bull) con le pecore


Cercherò di prendere signolarmente ogni aspetto del lavoro che contribuisce a creare quello che è lo "stile" specifico del border e dell'australian portano di volta in volta le differenze.
Per ogni considerazione che si andrà a fare ci tengo a sottolineare che il border è un cane selezionato per il lavoro su gregge, l'australian è un cane selezionato per il lavoro su mandrie e vitelli (e la differenza tra questi due tipi di animali è quella che ha portato alle enormi differenze tra le due razze, sia in termini di stile che di costruzione)

OCCHIO
Per occhio si intende generalmente una forma di concentrazione che contribuisce al controllo del gruppo di animali su cui si intende lavorare. Il border collie è senza dubbio il possessore per eccellenza di questa qualità (in quanto razza selezionata soprattutto negli ultimi 200 anni proprio per questo).
E’ importante per capire la differenza considerare che ci sono diversi livelli di "occhio", raggruppabili in: poco occhio,medio occhio e forte occhio.

 
Per un cane da lavoro un occhio troppo spinto può creare dei problemi in quanto porta il cane spesso ad essere fortemente concentrato e poco incline alla collaborazione (ecco il motivo per cui è preferibile avere un cane con medio o poco occhio).
La selezione del border collie ha cercato dimantenere una qualità media dell'occhio di questa razza che permette al cane di mantenere un forte contatto con le pecore anche nei movimenti di bilanciamento. Un cane con medio occhio avrà quindi una forte concentrazione che lo porterà ad essere constantemente in contatto con il gregge e che tendenzialmente gli permetterà di stare più lontano in modo tale da avere una certa libertà di movimento nel bilanciamento.
Gli australian sono generalmente caratterizzati da poco occhio, caratteristica che gli consente di guardarsi intorno più facilmente (non essendo fortemente concentrati sul gruppo di animali da condurre) e che non presuppone una concentrazione costante sulla mandria (nella quale una pressione troppo continua potrebbe creare problemi di gestione e di reattività, a differenza del gregge). Questo permette anche di manifestare una pressione che viene quindi percepita in maniera più efficace (in quanto non continua) nei momenti in cui il cane è costretto a "spingere" in una direzione o a "recuperare" un tentativo di fuga.
dolly   border
Dolly (Australian Shepherd) e un Border Collie


STILE DI CAMMINATA
Gli australian appartengono alla categoria di cani che conducono da "in piedi", cioè in posizione eretta. Tendono a mantenere questa posizione per il tipo di costruzione (sono cani più corti, leggermente più lunghi che alti, e con spalle meno angolate) per poter affrontare al meglio eventuali recuperi di vitelli che scattano per scappare (cosa che riuscirebbe più difficile se la conduzione avvenisse in posizione più bassa). Sono cani che tendono a stare molto vicino alla mandria e mettono una tensione costante non attraverso l'occhio ma attraverso la presenza. Sono cani costruiti per poter scattare velocemente e partire in potenza. Hanno la capacità, grazie al fatto di essere corti e più dritti di spalla, di effettuare repentini cambi di direzione in modo da potersi trovare, in caso di necessità, di fronte al vitello in fuga.
Il border collie tende ad avere una posizione più bassa sugli anteriori (la famosa tipica camminata del border che spesso è rasoterra) che ricorda molto lo stile del predatore. Tende a mantenersi ad una certa distanza dal gregge vista la pressione che questa posizione esercità nello stesso. Sono cani più lunghi e più angolati di spalla, costruiti per essere fisicamente più flessibili e capaci di manifestare naturalmente la famosa posizione di lavoro rasoterra. Lavorano molto in allungo,sul bilanciamento e sulle lunghe distanze.


 
aussie
Bubba (holyday on ice bred by walla wanda) at 5 monhs on sheeps


PRESSIONE NELLA CONDUZIONE
La pressione che il cane esercita durante la conduzione varia da soggetto a soggetto e a seconda del tipo di pressione che esercita il cane varia la distanza che questo ha nei confronti del gregge/mandria durante il lavoro.
Come spiegato in precedenza il border collie mantiene una distanza più ampia ed esercita la tipica pressione data dalla postura e dall'occhio per mantenere il gregge unito e guidarlo nei movimenti, l'australian tende a lavorare da vicino per mantenere calma e stabilizzata la mandria, che a differenza delle pecore, se messa troppo sotto pressione, non si unisce, ma comincia a separarsi in diverse direzioni (anche qui, le pecore tendono per proteggersi a mantenersi in gruppo, i vitelli tendono a scappare ognuno in direzioni diverse).
E’ facile notare come anche gli aussies (anche se con meno stile) se messi sulle pecore tendano ad abbassarsi e a condurre da più distante (si regolano infatti sul tipo di animale da condurre) e come i border, se messi sui vitelli, bilancino molto meno.

pedro
Pedro in conduzione


MORSO / ABBAIO
Gli australian hanno una tendenza maggiore a morder e ad abbaiare rispetto al border collie. Essendo la mandria irritabile e molto più nervosa rispetto alle pecore queste due qualità utilizzate nel recupero delle eventuali fughe o per spingere in maniera più convincente nelle varie situazioni di stallo non devono però mai essere esagerate. Un abbaiare eccessivo è sintomo di eccesso di nervosismo, segnale che viene naturalmente colto dalla mandria e che crea non poche difficoltà. Il morso lascia raramente dei segni, è più un “pinzare” per riportare la mandria al rispetto nei confronti del cane e quindi per permettere al cane di eseguire meglio il suo lavoro.
Un cane non dovrebbe mordere mai durante la conduzione,ma solo per sedare eventuali tentativi di fuga o per spingere la mandria riluttante dentro i fences (recinti).
Nel border collie il morso invece è una caratteristica spesso deleteria in quanto disgrega il gregge creando troppa paura e quindi troppa pressione.


 

mel
Mel (justplain melody cowboy) con le pecore


POTENZA / PRESSIONE
La potenza/ pressione che un cane sa esercitare può naturalmente essere valutata solo in sede di lavoro e non va fraintesa con dominanza, facilità al morso, nervosismo e iperattività.Un cane con una forte capacità di pressione è un cane che sa leggere la mandira (o le pecore) e che di volta in volta sa in che modo esercitare controllo su di esse, è una buona capacità di equilibrio tra spinta e segnali di calma, tra bilanciamento e stazionamento, per tutte e due le razze.
ecco un link utile che illustra bene con foto esaustive la differenza di stile
http://aussieinfo.org/breedcomparisons.htm
pedro




ULTIME CONSIDERAZIONI
Tecnicamente, radunare un gregge e separare un vitello da una mandria presuppone un approccio TOTALMENTE diverso. Generalmente gli aussies venivano usati per la divisione dei vitelli dalla mandria durante la marchiatura e quindi per un lavoro fortemente specializzato (ancora oggi per la conduzione delle mandrie vengono preferiti cattle ma soprattutto kelpie, con più spiccate attitudini alla conduzione rispetto all'australian). Dividere un vitello dalla mandria significa in primo luogo staccarlo dal gruppo, ma principalmente significa affrontarlo mentre "cutta" (passatemi il termine...dall'inglese "cutting" vale a dire la disciplina equestre nella quale al cavallo è richiesto lo stesso lavoro che viene richiesto all'aussie), cioè porsi di fronte e tenere testa al vitello appunto durante i vari tentivi di fuga alternati a repentini e scattosissimi cambi di direzione e di posizione...
 
Un australian tipico deve avere questa caratteristica nel movimento: la velocità nei cambi di direzione...(generalmente,mentre stanno con gli anteriori ancora voltati in un senso, i posteriori già spingono di potenza nel senso opposto...)
Un cane selezionato per condurre, spostare, dividere ma soprattutto bilanciare un gregge difficilmente è costruito (fisicamente) in maniera tale da tener fronte ad uno sforzo fisico che richieda scatti in potenza e dei cambi di direzione così repentini (caratteristica tipica degli aussies invece) e momenti di stasi e di tensione forti (un vitello è pur sempre qualche quintale più grosso del cane..) La costruzione del border gli permette di reggere il lavoro alla lunga distanza e continuo, cosa che riesce meno all'australian.
Gli australian con più spiccata attitudine ai vitelli generlamente trovano noioso il gregge, perchè troppo statico e per la naturale tendenza a raggrupparsi.
Credo che la costruzione fisica di un cane sia determinante nella capacità di eseguire un lavoro o meno...un cane quadrato riesce sicuramente a gestire meglio un movimento come quello dell'australian, mentre un cane più sul rettangolo lavora sicuramente meglio in allungo.
Io ho entrambi (border e aussies) e ho lavorato con entrambi...Credo fortemente nelle profonde differenze tra queste due razze e nella forte differenza morfologica (per quanto possano apparire molto simili...)
   
 
Allevamento di Australian Shepherd WallaWanda di Marula Furlan - cell: 333.14.30.525
wallawanda@gmail.com