Logo Walla Wanda
 
 
Fotoalbum
Photo album
 
 
Visite dal 23-08-2003:
 
 

"io e il mio cane"
Elena & Tess


   

Essere proprietari di un’aussie è veramente una bellissima esperienza……esserlo di un soggetto proveniente dall’allevamento Walla Wanda ancor di più.:-))))

Ma …..si ci sono dei ma, non basta!!!!.

Marula, anche se lei dice di no, fa un lavoro superlativo!! getta le basi per una felice esperienza: pianifica anche sul piano caratteriale gli accoppiamenti, fa un lavoro specifico già dalla gestazione, socializza i cuccioli, cerca l’abbinamento migliore del binomio…l’elenco potrebbe proseguire, chi è proprietario viene informato e seguito anche dopo la consegna del cucciolo.

Lo dico con certezza perché  io ho un cane adulto (P. Tedesco), il cui allevatore non ha fatto nulla di tutto ciò con il risultato di avere un cane con problemi caratteriali..parzialmente risolti da me e dalla grande generosità del cane ma, non posso far niente per recuperare quello che nello specifico avrebbe dovuto esser fatto nel periodo di permanenza in allevamento.

Tutto questo però può  non bastare, gli aussie non sono cani facili, se non vengono stimolati in maniera corretta possono diventare apatici, avere un cucciolo di qualsiasi razza implica , da parte della nuova famiglia…branco, un impegno notevole di tempo, pazienza, coerenza negli insegnamenti ed esperienze da far fare al cucciolo.

Inoltre bisogna tener presente il lato emotivo e caratteriale di ogni singolo individuo, il fatto che nascano dalla stessa madre e dallo stesso padre non vuol dire che siano identici morfologicamente e caratterialmente,il proprietario deve far conoscenza con il cucciolo per “capirlo” e curare la relazione.

Su questo argomento sono completamente in accordo con Marula….il suo lavoro viene completamente vanificato da una non corretta gestione del cane, se a questo aggiungiamo, come detto sopra, che gli aussie sono cani non facili…qualche volta la frittata è fatta.

Il proprietario non è contento del cane…il cane “sente” l’insoddisfazione, vedi frustrazione, del proprietario ed il tutto va a rotoli.

Questo è un discorso generico..posso entrare nello specifico.

Con Tess, cane molto attivo..se non ricordo male soprannominata Attila, il che vi già da un’idea della mia bambina .-))) ho cercato di incanalare la sua energia in qualcosa di gradito…che non fosse.: rubare gli oggetti, correre a perdifiato con la speranza di farsi inseguire, mugolare per frustrazione…vedi posizioni statiche, saltare sui divani e guardarti con aria di sfida..lo so che non si fa…ma lo faccio comunque, mordere la cuccia quando mamma è al telefono..etc.

Ho girato per casa per circa due mesi con lei legata al guinzaglio ed alla mia vita, ho fatto lo scambio con oggetti, ho insegnato a lei a gestire la frustrazione ( gli aussie hanno segnali bassi di stress..quando sono evidenti..è già tardi), ho inserito il recinto per cuccioli, kong, passeggiate istruttive, giochi, autocontrolli , il do nothing e molto altro…con lei gli esami non finiscono mai. Lei è una splendida teaching dogs, ci stiamo preparando in rally-o e agillity..come vedete  però anche la mamma non sta quasi mai ferma…ci stiamo attrezzando ad un incontro con le pecore

Grazie Marula!!!!  
 


 
 
 
Allevamento di Australian Shepherd WallaWanda di Marula Furlan - cell: 333.14.30.525
wallawanda@gmail.com